Scuola Secondaria

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Il Collegio dei Docenti della Scuola Secondaria di primo grado, attraverso l’attuazione dei programmi, opera al fine di favorire la maturità globale dei ragazzi preadolescenti.

Nel Progetto educativo si propone di sviluppare nei ragazzi

il senso dell’uomo con la sua grandezza, i suoi limiti, la sua libertà e vicenda “spirituale”
il senso della famiglia umana con la conseguente sua maturità sociale (solidarietà, servizio, fratellanza, democrazia, amore, giustizia…)
il senso della storia vista come storia della libertà, del pensiero, della bellezza, dell’esplorazione, del dialogo dell’uomo con Dio.
il senso della propria umanità in crescita ( attraverso la conoscenza del mondo interiore, lo sviluppo delle capacità, l’assimilazione dei valori cristiani fondamentali)
il senso della propria vita come assunzione di compiti e di ruoli nella società, intesa come collaborazione e servizio, responsabilità ed operosità.
il senso della scuola come luogo vivo in cui maturare concretamente le scelte della propria vita, e non solo in ambito professionale

La Scuola Secondaria di Primo Grado pone l’alunno al centro dell’attenzione e la formazione integrale della persona. Sulla base di tale premessa si sono delineate le seguenti finalità pedagogiche:

promuovere la maturità psico-emotiva dell’alunno attraverso un’educazione socio-affettiva;
offrire gli strumenti più adeguati per “imparare ad imparare”, cioè non trasmettere semplici contenuti, ma una vera e propria metodologia, perché l’alunno sia protagonista del proprio sapere;
conservare e trasmettere la cultura, ma anche correggerla, integrarla ed innovarla, nonché sviluppare la socialità dei ragazzi, educandoli alla convivenza democratica, fondata sulla pari dignità e l’eguaglianza;
sviluppare la potenzialità creativa dell’alunno e l’autonomia di giudizio attraverso la conoscenza delle diversità;
promuovere forme di lavoro di gruppo ed interdisciplinare, che educhino alla consapevolezza di sé, delle proprie idee e dei propri comportamenti;
fornire all’alunno la strumentazione più adeguata per orientarsi nella scelta delle tipologie diverse del corso di studi successivo alla Secondaria di Secondo Grado.

Il Progetto didattico si sviluppa attraverso i seguenti ambiti:

 Accoglienza in un ambiente reso sereno dal continuo dialogo di collaborazione fra adulti e ragazzi

 Corsi tradizionali che coprono tutte le aree del curriculum

 Esperienze che offrano ai ragazzi la possibilità di esplorare particolari aspetti dell’uomo, della vita civile e sociale

 Un programma di viaggi e visite di studio atti a svolgere dal vivo progetti interdisciplinari e pluridisciplinari

La scuola secondaria di I grado del Collegio propone un percorso organico di viaggi di istruzione. Il progetto risulta completo sotto il profilo della crescita umana, artistica e culturale ed è così ripartito sul triennio:

I classe
Viaggio di istruzione in città artistica
II – III classe
Viaggio di istruzione in una città artistica italiana o europea di interesse culturale

 Un programma di attività extra-scolastiche che offrano ai ragazzi la possibilità di esprimere le proprie potenzialità espressive .

Le discipline oggetto di studio nei tre anni sono le seguenti:

RELIGIONE CATTOLICA

ITALIANO STORIA GEOGRAFIA

INGLESE

SECONDA LINGUA COMUNITARIA (FRANCESE)

MATEMATICA SCIENZE

TECNOLOGIA INFORMATICA

MUSICA

ARTE E IMMAGINE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

Trasversali ad ogni disciplina, nell’arco dei tre anni della scuola secondaria di primo grado, sono le educazioni alla convivenza civile: educazione alla cittadinanza, stradale, ambientale, alimentare, alla salute, all’affettività, all’uso dei media strutturate volta per volta dal Collegio docenti.

Al termine del terzo anno sono proposte le Certificazioni Europee per le lingue in collaborazione con gli enti certificatori accreditati (Trinity College).

Allorché il docente verifica lacune o ritardi nella preparazione dello studente, ne diagnostica le cause e personalmente mette in atto adeguate attività di rinforzo e di sostegno (soprattutto a fronte di alunni con profitto gravemente insufficiente). Il docente, in accordo con il consiglio di classe, è tenuto ad attivare tutte le iniziative volte al sostegno e recupero. Sta comunque il fatto che ogni attività finalizzata alla prevenzione dell’insuccesso scolastico e al recupero esige anzitutto impegno e lavoro personale da parte dell’alunno. La funzione del docente è quindi di coordinamento e di proposta di tali attività; di esse fanno parte, oltre al momento di ripresa della proposta attraverso delle pause didattiche, anche i momenti di valutazione. Per favorire le iniziative contro l’insuccesso scolastico, nel pentamestre, solo per la Scuola Secondaria, si attivano corsi di recupero.

PROFILO DI USCITA

A conclusione del triennio di Scuola secondaria di primo grado lo studente dovrà dimostrare di possedere le competenze e abilità trasversali di seguito descritte.

1 – Competenze metodologiche:

Operare per problemi analizzando fatti e fenomeni, pianificando il proprio lavoro, formulando ipotesi e controllandone i risultati, e successivamente dando prova di saper applicare le conoscenze anche in situazioni nuove.
Prendere appunti, schematizzare, organizzare una relazione rappresentando i contenuti con il canale scritto-grafico.
Conoscere, comprendere e usare linguaggi verbali, mettendo in relazione conoscenze e linguaggi.
Operare scelte realistiche senza sopravvalutarsi né sottovalutarsi.

2 – Competenze relative al comportamento:

Dimostrare una partecipazione consapevole intervenendo in modo opportuno, critico e costruttivo, rispettando e riconoscendo il valore delle opinioni altrui e offrendo il proprio contributo al lavoro comune.
Mantenere l’attenzione e la concentrazione per tempi congrui.
Impegnarsi nel lavoro assegnato portandolo a termine nelle scadenze date.

3 – Competenze sociali e relazionali:

Dimostrare coscienza del valore delle regole e rispetto per le stesse.
Socializzare positivamente assumendo comportamenti adeguati alla situazione nonché gestendo i propri stati emozionali o esprimendoli in modo opportuno.
Manifestare responsabilità personale comprendendo che ciascuno, nel proprio ambito, è responsabile della situazione generale.

CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA PRIMARIA: MI1E02600X

 

Top